Fondamenti romanistici del diritto europeo

La disciplina generale del contratto I

Collana
  • Data di pubblicazione

    gennaio 2018

  • Formato

    Copertina Flessibile

  • Pagine

    432

  • ISBN

    9788892111165

€ 39,00

Disponibile

- +
Abstract
Contattaci
Abstract

Gli argomenti trattati nel primo volume di questa Collana costituiscono aspetti centrali della disciplina generale del contratto nella nostra tradizione giuridica e nel diritto attuale, che da essa si sviluppa.

I principi della buona fede, della ragionevolezza e della libertà contrattuale, la nozione stessa di contratto, il corretto svolgimento delle trattative precontrattuali, i requisiti di validità, la formazione tra assenti attraverso il meccanismo della proposta ed accettazione, la rappresentanza e l’interpretazione, la determinazione del contenuto e l’incidenza di circostanze sopravvenute sull’esecuzione vengono, infatti, a comporre altrettanti tasselli essenziali del suo patrimonio genetico. Il fatto che per ciascuno di essi il diritto moderno abbia costruito delle categorie specifiche non vuol dire che gli stessi non fossero stati presi in considerazione nella scienza giuridica anteriore.

Nel diritto romano, medievale e moderno anteriore alle codificazioni del XIX secolo, infatti, se ne trovano già alcuni fondamenti su cui si innestano, con percorsi più o meno tortuosi, le architetture giuridiche moderne in modo certamente più razionale e sistematico. Risulta pertanto di particolare interesse anche per i giuristi contemporanei poter seguire gli andamenti di questi percorsi ed i risultati ai quali essi pervengono in taluni ordinamenti europei e nei Progetti di armonizzazione contrattuale, certamente non in un’ottica di continuità (come se il diritto fosse qualcosa di statico ed immobile), bensì con tutti i sussulti, le modifiche e le rotture che si verificano nella costruzione di ogni concetto giuridico, legato com’è al contesto storico dove si forma e si applica.

Contattaci

Richiedi informazioni