Il genocidio nel diritto penale internazionale

Dagli scritti di Raphael Lemkin allo Statuto di Roma

  • Data di pubblicazione

    luglio 2013

  • Formato

    PDF protetto da DRM

  • Pagine

    448

  • ISBN

    9788892156371

€ 33,99

Disponibile

- +
Abstract
Contattaci
Abstract
Il crimine di genocidio, definito dalla Convenzione Onu del 1948 e oggi dall'art. 6 dello Statuto di Roma, è abitualmente considerato il più grave crimine internazionale perchà© si caratterizza per la finalità  perseguita dall'agente di distruggere in tutto o in parte un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso. Il testo di Leotta, che risulta oggi, in ambito giuridico, il più ampio lavoro in lingua italiana sul tema, si divide in due parti e propone dapprima una trattazione storica sulla definizione penalistica del genocidio, approfondendo in particolare i lavori di Raphael Lemkin (1900-1959), inventore del termine, e i processi di Norimberga; quindi offre, nella seconda parte, un'ampia panoramica della giurisprudenza dei Tribunali internazionali nell'applicazione delle fonti incriminatrici. Corredato di un'ampia bibliografia anche in ambito storiografico, oltre che strettamente giuridico, propone peraltro all'attenzione del lettore un interessante precedente linguistico della parola "genocidio", costituito dal concetto di "nazionicidio", già  usato da Franà§ois-Noà«l Babeuf (1760-1797) nel 1794.
Contattaci

Richiedi informazioni