L'amministrazione e il potere politico (ordinamenti a confronto)
Collana
Costituzione e amministrazione
  • Data di pubblicazione

    ottobre 2018

  • Pagine

    144

  • ISBN

    9788892117136

€ 18,00

Disponibile

- +
Abstract
Contattaci
Abstract
Il rapporto tra politica e amministrazione, sempre problematico, si innesta sulla posizione costituzionale dell’amministrazione, che è diversa nei diversi ordinamenti. Il quesito di fondo è unico: se alla funzione di amministrazione sia riconosciuta una posizione propria e differenziata all’interno dell’Esecutivo o se questa si confonda nella vasta gamma di funzioni riservate agli organi politici. È affermazione pacifica che i programmi politici abbiano ad oggetto fatti di amministrazione e che il Governo sia responsabile dell’andamento dell’amministrazione. E, perciò, una netta separazione tra politica e amministrazione non può essere predicata a prescindere dai diversi assetti costituzionali, mentre emerge l’esigenza di conferire all’amministrazione una posizione connotata rispetto al potere politico (se non separata). Tale problematica è affrontata in modo diverso in ciascun ordinamento. In Europa prevale l’approccio sistematico; negli Stati Uniti quello empirico a partire dai poteri presidenziali di controllo: nomina, revoca e direzione. È la direzione politica dell’amministrazione a presentare gli aspetti più problematici. Il rischio è che il riconoscimento del potere di direzione in capo agli organi politici possa rafforzare la pretesa di disporre dell’amministrazione; ciò trova il suo limite nella formazione di uno statuto costituzionale dell’amministrazione inteso a connotarne la posizione nei confronti del Governo. Statuto che emerge chiaramente nei sistemi costituzionali europei ma traspare altresì nel sistema americano.
Contattaci

Richiedi informazioni