Separazione dei poteri e cultura dei diritti

Profili di Diritto pubblico comparato. Prefazione di Tommaso Edoardo Frosini. Postfazione di Piero Ostellino

  • Data di pubblicazione

    giugno 2014

  • Formato

    Copertina Flessibile

  • Pagine

    232

  • ISBN

    9788834848449

€ 21,00

Disponibile

- +
Abstract
Contattaci
Abstract
La separazione dei tre classici poteri dello Stato (legislativo, esecutivo, giudiziario) se formalmente si è affermata in quasi tutti i Paesi si connota con diverse caratteristiche. Nei paesi anglosassoni il principio dominante è conflittuale in una dialettica sempre aperta in cui nessun potere ha l’ultima parola; in quelli europeo-continentali si configura piuttosto come momento organizzativo delle sfere di competenze: universale (Francia) o astratto (Germania).In Italia dominano incontrastati la discrezionalità e il particolarismo, la libertà dei fini di ogni potere, che finisce per indebolire ogni diritto, specie nei periodi di discredito delle istituzioni e/o recessione economica.Gli autori rileggono la versione della separazione dei poteri alla luce della dottrina amministrativistica e in particolare del pensiero di Santi Romano.
Contattaci

Richiedi informazioni