Il diritto negato

Alle origini della legittima difesa: l'eterno conflitto tra Antigone e Creonte - Prefazione di Alessandro Meluzzi

Novità
  • Data di pubblicazione

    aprile 2019

  • Formato

    Copertina Flessibile

  • Pagine

    136

  • ISBN

    9788892120686

Novità
€ 17,00

Disponibile

- +
Abstract
Contattaci
Abstract

Il diritto negato è un grido isolato nel dibattito sulla legittima difesa.

L’autore, partendo dalla prospettiva di Antigone che rivendica diritti innati contro la legge dello Stato, invoca il ritorno al diritto naturale alla difesa spiegando, anche ad un pubblico generalista, che oggi non esiste il “diritto di difendersi”.

L’opera di Roberto Paradisi, avvocato e assistente di filosofia del diritto, ripercorre in modo divulgativo l’anima di un istituto antico.

Da Platone fino a Locke, la legittima difesa è stata riconosciuta quale diritto naturale preesistente allo Stato. L’attuale codice Rocco, di impostazione fascista, sovverte la tradizione occidentale e inquadra la legittima difesa come concessione.

L’atto difensivo diventa così atto illecito, con l’aggredito sottoposto automaticamente ad indagini, salvo la sua non punibilità nei casi previsti dall’art. 52 del codice.

La riforma del Governo Conte, pur incoraggiante secondo Paradisi che la analizza soffermandosi sulla difesa domiciliare e sul “grave turbamento”, non ripristina ancora il diritto negato.

Contattaci

Richiedi informazioni